Sinonimi:

Nomi comuni: Campanula spigata

Nomi regionali:

Famiglia: Campanulaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo bienne

Forma biologica: emicriptofita bienne

Descrizione

Dimensioni: 10-100 cm

Radice: fittone biancastro

Fusto ipogeo:

Fusto epigeo: fusto eretto, semplice, pubescente, spesso arrossato; densamente foglioso

Foglie: le basali picciolate lineari-spatolate (lamina di ca. 1,5 x 15 cm) ravvicinate, con margine increspato e seghettato, le superiori minori e sub-sessili

Infiorescenza: lunga spiga terminale (gran parte del fusto) con fiori ravvicinati in gruppi di 2-3 i basali, singoli i superiori

Fiori: gamopetali, attinomorfi pentameri di 12-25 mm, sessili, portati in corrispondenza di una brattea; calice ispido, a denti lineari di 8 mm; stimmi 3

Frutto: capsula triloculare

Distribuzione

Distribuzione regionale: Alpi e prealpi, assente nella catena carnica principale

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 400-2500

Geoelemento: europeo-montano

Ambiente caratteristico: rocce, ghiaioni e detriti

Fioritura: da giugno a agosto

Note vegetazionali

Pianta comune nelle Alpi orientali, più rara nel resto dell'arco alpino, Appennini e Dinari. Predilige stazioni calcaree aride e sassose. Si comporta anche come emicriptofita scaposa.

Note generali

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.