Sinonimi: Mentha palustris Moench

Nomi comuni: Menta dei campi

Nomi regionali: Mènte salvàdie

Famiglia: Lamiaceae/Labiatae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: emicriptofita scaposa

Descrizione

Dimensioni: 20-60 cm

Radice: secondarie da rizoma

Fusto ipogeo: rizoma strisciante superficiale

Fusto epigeo: prostrato-ascendente, tetragono foglioso

Foglie: foglie ellittico-lanceolate, brevemente picciolate, seghettate, tomentose.

Infiorescenza: spicastro (cime contratte sui verticilli fogliari) con foglie vere e proprie alla base dei verticillastri

Fiori: calice attinomorfo gamosepalo, corolla subattinomorfa gamopetala di colore rosa a quattro petali, stami 4, ovario semi-infero, stimma bifido

Frutto: schizocarpo (tetrachenio) formato da quattro nucule

Distribuzione

Distribuzione regionale: tutto il territorio regionale

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-1600

Geoelemento: circumboreale

Ambiente caratteristico: vegetazione ruderale

Fioritura: da giugno a novembre

Note vegetazionali

Specie piuttosto comune, sinantropa e nitrofila, che predilige i substrati acidi. Tipica infestante dei campi coltivati ed in particolare delle colture di cereali.

Note generali

Specie ibridogena e polimorfa, la sistematica risulta complessa e comprende diverse entità descritte come sottospecie da alcuni autori e ibridi coltivati. Aroma di menta dolciastro.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.