Sinonimi: Ranunculus sardous subsp. sudichotomicus Ehrendorfer

Nomi comuni: Ranuncolo sardo; Erba di S. Martino

Nomi regionali:

Famiglia: Ranunculaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo annuo

Forma biologica: terofita scaposa

Descrizione

Dimensioni: 5-45 cm

Radice: fascicolate

Fusto ipogeo: assente

Fusto epigeo: strisciante, eretto o ascendente, peli patenti

Foglie: foglie inferiori pennatosette, le superiori divise completamente in lacinie larghe 2-3 mm

Infiorescenza: fiore solitario su peduncolo striato

Fiori: perianzio attinomorfo con calice di 5 sepali penduli e appressati al picciolo, corolla con 5 petali gialli spatolati, lunghi il doppio dei sepali, ovario apocarpico

Frutto: aggregato formante una testa sferica di 20-30 acheni rugosi bruni con becco di 0,5 mm

Distribuzione

Distribuzione regionale: discontinua in pianura, collina e fondovalle

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-1000

Geoelemento: eurimediterraneo

Ambiente caratteristico: coltivi

Fioritura: da febbraio a settembre

Note vegetazionali

Pianta probabilmente archeofita, prevalentemente acidofila presente in ambienti umidi.

Note generali

Variabilità di forme, pianta infestante nei campi.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.