Sinonimi:

Nomi comuni: Borracina acre; Erba pignola

Nomi regionali:

Famiglia: Crassulaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: camefita succulenta

Descrizione

Dimensioni: 3-10 cm

Radice: sottili da stoloni

Fusto ipogeo:

Fusto epigeo: strisciante, gracile, che termina con rami fogliosi persistenti o con rami fertili, che poi seccano dopo l'antesi

Foglie: ovali, piccole di 2-4 mm, carnose, disposte a spirale, senza sperone

Infiorescenza: cima

Fiori: fiori ermafroditi, attinomorfi, dialipetali, 5-meri subsessili; sepali di 2 mm simili alle foglie; petali gialli, lanceolati, acuti, lunghi 2 volte il calice; stili di 4 mm

Frutto: follicoli, in numero di cinque, patenti a stella

Distribuzione

Distribuzione regionale: discontinua su Alpi, Prealpi e pianura

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-1600

Geoelemento: europeo

Ambiente caratteristico: rupi e muri

Fioritura: da maggio a luglio

Note vegetazionali

Specie diffusa in tutto il territorio su muri e ghiaie, rocce e prati asciutti fino al piano alpino

Note generali

Coltivata nei giardini rocciosi e come pianta mellifera. Confusa spesso con Sedum sexangulare o alpestre, si distingue per la sezione ovale della foglia.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.