Sinonimi: T. capitatum L.; T. polium var. capitatum Mutel incl. var. album Auct. Fl. Ital.; T. pseudo-hyssopus

Nomi comuni: Camedrio polio; Canutola; Polio

Nomi regionali:

Famiglia: Lamiaceae/Labiatae

Habitus e forma di crescita: suffruticoso

Forma biologica: camefita suffruticosa

Descrizione

Dimensioni: 8-20 cm

Radice: fittonante

Fusto ipogeo: assente

Fusto epigeo: lignificato in basso, strisciante ramificato con rami bianco-tomentosi

Foglie: opposte, lineari (2 x 20 mm) con margine crenato revoluto, coriacee, verde-scuro e glabre superiormente, bianco-tomentose nella pagina inferiore

Infiorescenza: infiorescenza contratta formante una testa emisferica apicale, brattee simili alle foglie

Fiori: calice attinomorfo gamosepalo, a denti divergenti; corolla zigomorfa gamopetala di 1,2-1,4 cm, colore giallo pallido, priva del labbro superiore, labbro inferiore 5lobo; stami 4 sporgenti antere rossastre, ovario semi-infero, stimma bifido

Frutto: schizocarpo (tetrachenio) formato da quattro nucule

Distribuzione

Distribuzione regionale: zona litorale alle foci del Tagliamento

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-2100

Geoelemento: stenomediterraneo

Ambiente caratteristico: lidi sabbiosi

Fioritura: da giugno a agosto

Note vegetazionali

Pianta xerofila, presente nelle dune consolidate, pascoli aridi, garighe. Caratterizza esclusivamente l'associazione a prato xerico Tortulo-Scabiosetum, presente nell'habitat delle paleodune del litorale Nord-adriatico.

Note generali

Specie simile a T. montanum, presente in prati aridi e che si differenzia per possedere foglie a margine intero con pagina dorsale, glabra e verde-scuro. Poldini nell'Atlante Corologico delle Piante vascolari della Regione indica la presenza nella Pineta di Lignano di una entità ibrida Teucrium montanum L. x Teucrium polium L. subsp. polium (Maurer 1967).

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.

Scheda a cura di E. Petrussa