Sinonimi: Hieracium incisum auct. non Hoppe

Nomi comuni: Sparviere bifido, Sparviere inciso

Nomi regionali:

Famiglia: Asteraceae/Compositae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: emicriptofita scaposa

Descrizione

Dimensioni: 20-50 (80) cm

Radice: secondarie da rizoma

Fusto ipogeo: rizoma obliquo privo di stoloni

Fusto epigeo: fusto eretto, glabro o poco peloso alla base, superiormente lanoso (rare le ghiandole); ramoso in alto

Foglie: 4-7 basali in rosetta, picciolate, ovali con base di forma variabile (4-6 x 6-11 cm), variabilmente pubescenti, con denti lassi al margine; a volte 1-2 foglie cauline lineari

Infiorescenza: cima corimbosa di (1) 3-8 (20) capolini piatti (20-50 mm) di fiori tutti ligulati; involucro di ca. 11 mm con squame acute, pubescenti, rari i peli ghiandolari

Fiori: tutti ligulati (a volte di diversa dimensione), colore giallo; petali cinque fusi, stami 5 uniti alle antere, ovario infero bicarpellare monoloculare

Frutto: acheni neri con pappo

Distribuzione

Distribuzione regionale: Carso, Alpi e Prealpi

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 200-2500

Geoelemento: europeo

Ambiente caratteristico: rocce, ghiaioni e detriti

Fioritura: da giugno a agosto

Note vegetazionali

Pianta basifila e calcifila, comune nelle rupi, ghiaioni, praterie, orli e boscaglie aride dal piano collinare a quello alpino.

Note generali

Aggregato tassonomico molto complesso che comprende diverse sottospecie orginate da ibridi o per via apomittica. Molto simile a Hieracium murorum, dal quale si distingue principalmente per la presenza, in quest'ultimo, di peli ghiandolari nell'involcruo.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.