Sinonimi: Campanula patula L. var. jahorinae K.Malý, Campanula jahorinae (K.Malý) Landolt

Nomi comuni: Campanula bienne, Campanula della Jahorina

Nomi regionali:

Famiglia: Campanulaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo bienne

Forma biologica: emicriptofita bienne

Descrizione

Dimensioni: 30-70 cm

Radice: fittone non ingrossato

Fusto ipogeo: assente

Fusto epigeo: ascendente eretto, sparsamente peloso

Foglie: le basali lanceolate-spatolate, leggermente seghettate, le cauline lineari ottuse e crenate

Infiorescenza: racemo di racemi (pannocchia) allungato, con rami patenti

Fiori: gamopetali, attinomorfi pentameri di 20-37 mm ; colore azzurro-liliacino; stami 5, ovario infero sincarpico a 3 carpelli

Frutto: capsula ovoide con 10 nervi

Distribuzione

Distribuzione regionale: su tutta la zona collinare, pedemontana e montana

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 300-1800

Geoelemento: europeo-montano

Ambiente caratteristico: pascoli e prati montani

Fioritura: da maggio a luglio

Note vegetazionali

Pianta acidofila, tendenzialmente nitrofila, si trova nei prati e pascoli fertili, margini dei boschi dal piano collinare a quello sub-alpino.

Note generali

Alla stessa specie appartengono altre due sottospecie: Campanula patula subsp. patula e C. patula subsp. costae, tuttavia non segnalate in Friuli Venezia Giulia. Le tre entità si distinguono per la lunghezza dei sepali, la peluria della fauce e il rapporto tra calice e corolla. Possibile confusione con C. rapunculus, diffusa in pianura e collina, che si distingue per avere il fittone ingrossato e il fiore più piccolo.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.