Sinonimi:

Nomi comuni: Cirsio canuto; Cardo biancheggiante

Nomi regionali:

Famiglia: Asteraceae/Compositae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: geofita rizomatosa

Descrizione

Dimensioni: 4-20 dm

Radice: radici secondarie da rizoma

Fusto ipogeo: rizoma sotterraneo

Fusto epigeo: fusto eretto, striato-ragnateloso e ali decorrenti

Foglie: foglie pennato-partite, con spine acute ai margini, quelle inferiori con lamina decorrente; forma spatolata le inferiori, lineare ridotta con lacinie amplessicauli le cauline

Infiorescenza: capolini (2-2,5 cm) lungamente peduncolati, con involucro emisferico, squame embriciate con punta purpurea e dilatata

Fiori: fiori ermafroditi, tubulosi, corolla violacea con lembo maggiore del tubo

Frutto: achenio con pappo con setole piumose

Distribuzione

Distribuzione regionale: localizzata, in pianura

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-300

Geoelemento: pontico

Ambiente caratteristico: incolti

Fioritura: da giugno a settembre

Note vegetazionali

Calcifila e nitrofila, vegeta negli ambienti umidi temporaneamente inondati quali fossi, stagni, prati palustri su suolo torboso, vicinanze dei corsi d'acqua.

Note generali

Specie rientrante come vulnerabile nella Lista rossa nazionale. Il suo stato di rischio è dovuto alla riduzione delle zone umide, suo habitat di elezione.

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.