Sinonimi: Orchis bifolia L., Platanthera solstitialis Bönn, nom. inval.

Nomi comuni: Platantera comune, Platantera a fiori bianchi

Nomi regionali: Muiniùtis

Famiglia: Orchidaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: geofita bulbosa

Descrizione

Dimensioni: 15-50 cm

Radice: fascicolate, carnose, superiori ai bulbo-tuberi

Fusto ipogeo: bulbo-tuberi

Fusto epigeo: eretto, leggermente angoloso

Foglie: 2 sub-basali, lanceolato-spatolate parallelinervie (2-3 x 8-12 cm) con apice arrotondato; le cauline ridotte, lanceolate ad apice acuto (max 3 cm)

Infiorescenza: spiga multiflora cilindrico-conica di 5-20 cm con 15-25 fiori distanziati; brattee erette strettamente lanceolate, lunghe quanto l'ovario, erette

Fiori: fiori zigomorfi di 15-20 mm, bianchi; 3 + 3 tepali, gli esterni patenti, gli interni più stretti, eretti e conniventi; labello semplice, a volte verde all'apice; sperone lungo fino a 2 volte l'ovario cilindrico; logge dell'antera parallele

Frutto: capsula

Distribuzione

Distribuzione regionale: tutta la Regione fino al piano sub-alpino assente nella bassa pianura

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 0-2000

Geoelemento: euroasiatico

Ambiente caratteristico: boschi misti

Fioritura: da maggio a luglio

Note vegetazionali

Specie relativamente comune, indifferente al substrato. Si distribuisce in vari habitat: prati e pascoli, megaforbieti, boschi misti.

Note generali

Confusione con Platanthera montana, che predilige habitat leggermente più umidi e terreni basici, quest'ultima si distingue per le logge delle antere divaricate e divergenti, lo sperone clavato e il labello allargato alla base. Le due specie formano ibridi fra loro. Specie tutelata dalla Convenzione di Washington (Appendice II, CITES) elencata tra le specie protette di interesse regionale (20 marzo 2009, 074/Pres. allegato B, in esecuzione L.R. 9/2007, art. 96).

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.