Sinonimi: Orchis odoratissima L.

Nomi comuni: Manina profumata

Nomi regionali:

Famiglia: Orchidaceae

Habitus e forma di crescita: erbaceo perenne

Forma biologica: geofita bulbosa

Descrizione

Dimensioni: 25-40 cm

Radice: fascicolata superiore ai bulbi

Fusto ipogeo: due bulbi palmati

Fusto epigeo: eretto, semplice, striato, foglioso fino all'infiorescenza, gracile

Foglie: le basali ridotte a squame, le cauline lineari, le superiori più piccole

Infiorescenza: cilindrica lunga 5-10 cm, densa

Fiori: fiore zigomorfo (6-10 mm), perigonio di colore roseo o porporino, composto da 3 tepali esterni patenti; tepali interni simili, il labello a 3 lobi uguali, sperone non più lungo dell'ovario; ghiandole dei pollinii scoperte; fiore profumato di vanig

Frutto: capsula

Distribuzione

Distribuzione regionale: localizzata nella fascia montana e alpina, alcune stazioni in pianura

Distribuzione altitudinale (metri s.l.m.): 1000-1800

Geoelemento: europeo

Ambiente caratteristico: pascoli e prati montani

Fioritura: da giugno a luglio

Note vegetazionali

Specie calcifila frequente nei pascoli, cespuglieti e boscaglie su terreno preferibilmente calcareo.

Note generali

Il nome del genere deriva dalle parole greche gymnós=nudo e adén=ghiandola, ad indicare che i retinacoli non sono contenuti nelle borsicole; la specie ibrida facilmente con G. conopsea (si distingue per essere molto profumata ed avere lo sperone lungo quanto l'ovario), a volte anche con Nigritella e alcune specie del genere Orchis. Specie tutelata dalla Convenzione di Washington (Appendice II, CITES); elencata tra la flora di interesse regionale (20 marzo 2009, 074/Pres. allegato B, in esecuzione L.R. 9/2007, art. 96).

Altro

Informazioni sulla famiglia dall'NCBI Taxonomy Browser e bibliografiche dall'International Plant Name Index; immagini dalla galleria fotografica del Dipartimento di Biologia dell'università di Trieste.

Scheda a cura di Luciano Regattin